domenica 19 giugno 2016

BOVA MARINA: Oggi l'ArcheoDeri presenta il libro “Leucopetra” di Saverio Verduci

Oggi alle ore 17:00, presso la Sala Conferenze del Centro Studi Documentazione del Parco Archeoderi di Bova Marina, si svolgerà la presentazione del libro “Leucopetra: la storia greco-romana della città” di Saverio Verduci (Disoblio Edizioni). Alla presentazione, introdotta da Franco Tuscano (Responsabile Centro Studi Documentazione ArcheoDeri) e moderata da Salvatore Bellantone (Editore), interverranno: Vincenzo Crupi (Sindaco di Bova Marina), Vincenza Triolo (Architetto e Conservatore dei Beni Archeologici e Ambientali). Sarà presente l'Autore.
Passando in rassegna le principali fonti documentarie, onomastiche, toponomastiche, epigrafiche ed archeologiche, LEUCOPETRA mette a fuoco le più celebri pagine della storia antica svoltesi nel territorio di Lazzaro nel periodo greco e romano, evidenziando il ruolo cruciale della città sul piano politico, economico, militare, culturale, cultuale e la sua vocazione cosmopolita.
SAVERIO VERDUCI (Melito Porto Salvo, 1979), storico e giornalista divulgatore, è studioso di storia antica e medievale e si occupa principalmente della ricostruzione delle vicende storiche del territorio reggino e, in particolar modo, di Leucopetra (Lazzaro), dove egli vive. Nel 2006 si laurea in Lettere Moderne presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Messina, con la tesi La Calabria nello spazio mediterraneo in epoca romana. Produzioni, rotte e commerci. Nel 2007 e nel 2010 consegue presso la medesima Facoltà due Corsi di Perfezionamento post-laurea, uno in Storia e Filologia: dall’antichità all’età moderna e contemporanea, con la tesi: I rapporti commerciali tra la Sicilia e le provincie orientali in epoca tardoantica, l’altro in Studi storico-religiosi. Nel 2011 ottiene il Master di II° Livello presso la Scuola di Alta Formazione in Architettura e Archeologia della Città Classica dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, con la tesi Rhegion fra Atene e Dionisio I. Nello stesso anno collabora in qualità di stagista ad un progetto di ricerca, gestione, catalogazione e divulgazione del patrimonio storico-archivistico dell’Arciconfraternita Maria SS. Monte Carmelo – Museo di Storia e Arte sacra Angelo Versace di Bagnara Calabra. Nel 2014, insieme ad A. Cario e A. Repaci, vince il Premio Letterario Metauros con l’opera di critica storico-letteraria Rocco Giuseppe Tassone – Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana – un uomo, un poeta, un intellettuale (Irda). Attualmente cura alcune pagine di storia locale e archeologia in alcune testate giornalistiche on-line tra cui Grecanica.com e Lazzaroturistica.it, e collabora con la rivista di studi storici Cesar.
Per Disoblio, ha pubblicato “Una città di minatori. La storia dei minatori del Comune di Motta di San Giovanni” (2015).

mercoledì 15 giugno 2016

Ondanomala Febea: Venerdì 17 giugno presentazione del libro DALLA CALABRIA ALLE LANGHE di Mattia Milea


Venerdì 17 giugno alle ore 20:00, presso l'I sola a Favazzina, “Ondanomala Febea” presenta il libro “Dalla Calabria alle Langhe. Il combattente Malerba racconta la sua lotta partigiana” di Mattia Milea (Disoblio Edizioni). Conduce: Filippo Sorgonà (Giornalista). Intervengono: Mattia Milea (Autrice del Libro), Salvatore Bellantone (Editore).
L'opera narra le vicende di Pasquale Brancatisano, contadino calabrese, cresciuto a Samo di Calabria, diventato soldato dell'esercito di Mussolini, fuoriuscito dopo l'8 settembre '43 ed infine partigiano col nome di battaglia “Malerba”. Mattia Milea traccia il ritratto di un'epoca attraverso gli accadimenti vissuti dal partigiano calabrese. Dal Montenegro alla Francia alle Langhe, Pasquale racconta la storia di un Paese sbandato e di un'Italia ancora tutta da costruire. Lotte, Resistenza, grandi amicizie, ideali, sogni e Liberazione si rincorrono all'interno della coscienza di un uomo che ha scelto di stare dalla parte della libertà e dell'eguaglianza contro i soprusi e la dittatura.
MATTIA MILEA è nata nel 1970 a Reggio Calabria, dove tuttora risiede. Ha insegnato nei corsi “Formazione formatori” per l’Università Mediterranea di RC. Attualmente è docente di Lingua Inglese negli istituti di istruzione secondaria della Provincia di Reggio Calabria e di Mediazione Linguistica Orale Francese presso la Scuola Superiore per Mediatori Linguistici “Don D. Calarco” di Catona (RC). Le sue traduzioni sono state pubblicate in diverse riviste scientifiche internazionali, con le quali ha pubblicato degli articoli concernenti la traduzione quasimodiana di William Shakespeare e delle recensioni critiche su Theodore Dreiser e William Golding. L’Accademia dei Micenei le ha conferito un Riconoscimento Speciale per la brillante traduzione in stile di alcune poesie pubblicate nell’antologia “Romanta 2005 – poesia come sogno che diventa realtà”, in quattro lingue.

martedì 14 giugno 2016

BOVA MARINA: Domenica 19 giugno l'ArcheoDeri presenta il libro “Leucopetra” di Saverio Verduci


Domenica 19 giugno, alle ore 17:00, presso la Sala Conferenze del Centro Studi Documentazione del Parco Archeoderi di Bova Marina, si svolgerà la presentazione del libro “Leucopetra: la storia greco-romana della città” di Saverio Verduci (Disoblio Edizioni). Alla presentazione, introdotta da Franco Tuscano (Responsabile Centro Studi Documentazione ArcheoDeri) e moderata da Salvatore Bellantone (Editore), interverranno: Vincenzo Crupi (Sindaco di Bova Marina), Vincenza Triolo (Architetto e Conservatore dei Beni Archeologici e Ambientali). Sarà presente l'Autore.
Passando in rassegna le principali fonti documentarie, onomastiche, toponomastiche, epigrafiche ed archeologiche, LEUCOPETRA mette a fuoco le più celebri pagine della storia antica svoltesi nel territorio di Lazzaro nel periodo greco e romano, evidenziando il ruolo cruciale della città sul piano politico, economico, militare, culturale, cultuale e la sua vocazione cosmopolita.
SAVERIO VERDUCI (Melito Porto Salvo, 1979), storico e giornalista divulgatore, è studioso di storia antica e medievale e si occupa principalmente della ricostruzione delle vicende storiche del territorio reggino e, in particolar modo, di Leucopetra (Lazzaro), dove egli vive. Nel 2006 si laurea in Lettere Moderne presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Messina, con la tesi La Calabria nello spazio mediterraneo in epoca romana. Produzioni, rotte e commerci. Nel 2007 e nel 2010 consegue presso la medesima Facoltà due Corsi di Perfezionamento post-laurea, uno in Storia e Filologia: dall’antichità all’età moderna e contemporanea, con la tesi: I rapporti commerciali tra la Sicilia e le provincie orientali in epoca tardoantica, l’altro in Studi storico-religiosi. Nel 2011 ottiene il Master di II° Livello presso la Scuola di Alta Formazione in Architettura e Archeologia della Città Classica dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, con la tesi Rhegion fra Atene e Dionisio I. Nello stesso anno collabora in qualità di stagista ad un progetto di ricerca, gestione, catalogazione e divulgazione del patrimonio storico-archivistico dell’Arciconfraternita Maria SS. Monte Carmelo – Museo di Storia e Arte sacra Angelo Versace di Bagnara Calabra. Nel 2014, insieme ad A. Cario e A. Repaci, vince il Premio Letterario Metauros con l’opera di critica storico-letteraria Rocco Giuseppe Tassone – Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana – un uomo, un poeta, un intellettuale (Irda). Attualmente cura alcune pagine di storia locale e archeologia in alcune testate giornalistiche on-line tra cui Grecanica.com e Lazzaroturistica.it, e collabora con la rivista di studi storici Cesar.
Per Disoblio, ha pubblicato “Una città di minatori. La storia dei minatori del Comune di Motta di San Giovanni” (2015).