giovedì 31 luglio 2014

SAN ROBERTO: Presentato il libro “500 regole. Un manuale per partecipare alla politica” di Antonio Scuticchio


Si è svolta mercoledì 30 luglio, presso il Museo di Arte Contemporanea, sito in località Colelli di San Roberto, la presentazione del libro “500 regole. Un manuale per partecipare alla politica” di Antonio Scuticchio (Disoblio Edizioni). Alla presentazione, moderata da Maria Francesca Fassari, sono intervenuti Roberto Vizzari (Sindaco di San Roberto), Antonio Giuseppe D'Agostino (Direttore Cmnews), Salvatore Bellantone (Editore), Antonio Scuticchio (Autore del Libro).
Roberto Vizzari ha salutato i presenti e ha spiegato come la presentazione di 500 regole rappresenti la prosecuzione del percorso di valorizzazione della città di San Roberto, nel quale la realizzazione del Museo di Arte Contemporanea non è un punto di arrivo ma di inizio, intendendo il Museo come una casa della cultura all'interno della quale svolgere attività artistiche, letterarie, musicali e culturali che possano offrire svago, formazione continua e crescita agli abitanti e ai tanti calabresi che sceglieranno di partecipare alle tante iniziative future, come quelli giunti in occasione della presentazione del libro di Antonio Scuticchio. Un libro che parla di politica non disprezzandola ma intendendola come il luogo centrale dell'esercizio della democrazia.
Antonio Giuseppe D'Agostino ha spiegato come le 500 regole siano un manuale composto di undici capitoli di aforismi, che chiariscono l'essenza della politica in ogni suo livello. L'opera risponde alla cattiva politica, solipsistica, priva di valori e di regole, e piena di vizi che l'hanno fatta degenerare in malcostume e corruzione, e propone una buona politica, fatta di regole, di conoscenza, di sapienza delle tecniche, delle strategie e degli strumenti necessari per approcciarsi alla politica in vista degli obiettivi comunitari e sociali, del popolo.
Salvatore Bellantone ha spiegato come 500 regole sia un testo da leggere per diversi motivi: appartenendo al genere delle massime e delle sentenze, offre l'occasione di una lettura semplice e veloce corrispondente ai tempi accelerati e liquidi della nostra società; consente di conoscere i segreti della politica che un tempo si imparavano soltanto nelle sedi di partito, che oggi non ci sono più o sono sempre di meno; dà la possibilità di svolgere un ripasso della storia politica occidentale e mondiale, conoscendo e riscoprendo i grandi personaggi che l'hanno scritta.
Antonio Scuticchio ha chiarito come le 500 regole si rivolgano principalmente a chi ha voglia di cominciare e, sopratutto, ai più giovani, i quali oggi hanno una concezione sbagliata della politica perché sono accaduti diversi avvenimenti storici che hanno causato insofferenza e allontanamento da quella che è la più antica arte, appunto del governo della cosa pubblica. Un'opera dunque che può consentire ai giovani anche di capire tutto quello che c'è stato prima di loro, per comprendere il tempo nel quale vivono, e per spingerli a reimpossessarsi di una disciplina, un diritto, per cui i loro padri e nonni si sono battuti, e cioè quello di decidere consapevolmente e autonomamente il loro destino, usando la propria testa.
Accesa la lanterna della Disoblio,emozionanti e leggiadri sono stati i brani in chitarra e violoncello dei The Strett Spirit nella splendida cornice del Museo, unico nel suo genere in tutta la Calabria, tanti sono stati gli interventi provenienti dal folto pubblico presente, quasi a testimoniare come la passione della politica, e della conoscenza delle sue regole e dei suoi meccanismi, non è usurata ma è l'unica strada per risollevare i cittadini di una regione che non vuole soccombere al delirio della crisi onnilaterale che coinvolge la nostra società, ma vuole dire la propria e riprendersi in mano il proprio destino.

CAULONIA MARINA: Oggi incontro con “La dimensione N” di Paolo Cirillo


Si svolgerà oggi, alle ore 22:00, presso il Ristorante “Chacarita” - Camping Afrodite di Caulonia Marina, l'incontro con “La dimensione N” di Paolo Cirillo, promosso dall'Associazione Culturale Gnoseon e dalla casa editrice Disoblio Edizioni. Nel corso dell'incontro, durante il quale s'inaugurerà la mostra personale del pittore, avrà luogo la presentazione dell'omonimo libro, alla quale parteciperanno: Franco Cagliuso (Assessore Cultura e Pubblica Istruzione di Caulonia), Alfredo Piscioneri (Presidente Gnoseon), Maria Francesca Fassari (Redattrice), Salvatore Bellantone (Editore), Angela Cristofaro (Vice Presidente Gnoseon). Sarà presente l'autore.
L'opera raccoglie un racconto e alcune poesie, accompagnati figurativamente da svariate immagini, che consentono al lettore di intraprendere un viaggio attraverso svariati temi – la scelta, il tempo, l'universo, la terra, gli esseri umani, il fascino della semplicità delle cose, il mercato, la sofferenza, il potere, la banalità e altri ancora – e dentro di sé, alla ricerca della propria prospettiva sulle cose, invogliandolo alla (ri)scoperta della propria unicità, contro la logica, la società, la schiera di schemi convenzionali ereditati e, generalmente, accettati passivamente dal parco umano. Criticando senza mezzi termini il nostro tempo, la società e la tipologia umana dominante, l'autore/protagonista si scaglia contro il concetto di “ragione”, in qualsiasi salsa si manifesti, e propone un ritorno a una visione “folle, trasognata della vita”, nella quale è ancora possibile trovare un pizzico di felicità.
PAOLO CIRILLO è nato a Roma il 6 marzo del 1952. Conseguita la maturità scientifica e frequentato un anno dell'Accademia di Belle Arti di Roma – Corso di Pittura, dall'età di 20 anni ha iniziato la carriera di pittore e scultore riscuotendo notevole successo alle sue personali e alle tante mostre collettive e concorsi sia in Italia sia all'estero. Premiato più volte tra il '72 e l'84, riceve anche la nomina per meriti artistici a Cavaliere di Grazia Magistrale del Sovrano Militare Ospitaliero Ordine di San Giorgio in Carinzia. La biografia completa è consultabile nel sito www.paolocirillo.com .

mercoledì 30 luglio 2014

SAN ROBERTO: Oggi la presentazione del libro “500 regole. Un manuale per partecipare alla politica” di Antonio Scuticchio


Si svolgerà oggi, alle ore 18:00, presso il Museo di Arte Contemporanea, sito in località Colelli di San Roberto, la presentazione del libro “500 regole. Un manuale per partecipare alla politica” di Antonio Scuticchio (Disoblio Edizioni). Alla presentazione, moderata da Maria Francesca Fassari, interverranno: Roberto Vizzari (Sindaco di San Roberto), Maria Cotroneo (Ass. Culturale "Telesia" - Museo di Arte Contemporanea), Antonio Giuseppe D'Agostino (Direttore Cmnews), Salvatore Bellantone (Editore). Sarà presente l'autore.
L'opera consiste in una raccolta di massime e sentenze utili sia al politico di professione, che fa la politica, sia al comune cittadino che desidera conoscere la politica. Utilizzando il metodo della generalizzazione, l'opera si rifà ad alcuni precedenti storici e ad alcune osservazioni sul campo dalle quali sono state estrapolate delle regole per comprendere, in ordine, che cos'è la politica; i suoi valori e disvalori; i principi; la sua logica e la sua prassi; la leadership; le regole per governare; la comunicazione; gli accordi, i negoziati e le alleanze; le strategie; la tattica; gli evitanda. Passando in rassegna le 500 regole che la compongono, l'opera informa sulle principali figure attorno alle quali si è svolta la storia della politica nazionale e internazionale.
Antonio Scuticchio (Roma, 10 gennaio 1966), si è laureato in Giurisprudenza nel 1991 e ha vinto il concorso per l’iscrizione all’Istituto per la Formazione al Giornalismo di Bologna (1992), dove, durante il periodo di praticantato, ha iniziato a occuparsi di cronaca politica sia locale sia nazionale (con stage alla Camera dei Deputati nel 1994). In oltre 20 anni ha lavorato per varie testate (La Gazzetta di Modena; Paese Sera; Mondo Economico; Il Quotidiano della Calabria; Vuellesette Cinquestelle; Calabria Web; La Discussione; Apcom; Radio Onda Verde). Dal 1995 ha maturato esperienze in uffici stampa e staff di istituzioni politiche calabresi a livello provinciale e regionale. Ha partecipato direttamente alla politica in qualità di membro di comitati provinciali e regionali di partito. Questo manuale costituisce la sua prima opera letteraria. Vive a Vibo Valentia, dove svolge la professione di avvocato e di giornalista.
A seguire concerto di chitarra e violoncello a cura dei The Street Spirit.

martedì 29 luglio 2014

LIMBADI: Sabato 2 agosto presentazione del libro “Andamento lento. La gestione della carriera al femminile” di Daniela Profiti


Si svolgerà sabato 2 agosto, alle ore 18:30, presso la Biblioteca Salvatore Corso Editore, la presentazione del libro “Andamento lento. La gestione della carriera al femminile” di Daniela Profiti (Disoblio Edizioni). Alla presentazione moderata da Maria Francesca Fassari, interverranno: Stefano D'Apa (Presidente Ass. Biblioteca Salvatore Corso Editore), Nicola Rombolà (Giornalista), Immacolata Corso (Membro Direzione Nazionale CDU), Salvatore Bellantone (Editore). Sarà presente l'autrice.
Ripercorrendo brevemente le principali tappe della storia del lavoro femminile nel XX secolo, Andamento lento. La gestione della carriera al femminile individua i momenti cruciali che hanno scandito l'ascesa femminile, lenta sì ma qualitativamente inarrestabile, in ambito lavorativo, economico, politico e legislativo. Proseguendo con una descrizione dei principali organi istituzionali nazionali ed europei che tutelano il lavoro e i diritti femminili, l'opera affronta la questione del fare carriera al femminile. Se da un lato l'autrice sottolinea le crepe legislative ed economiche a danno della donna e anche dell'azienda, in relazione al tema della maternità, dall'altro lato evidenzia la convenienza dell'investimento sulle donne in ambito aziendale, specialmente sul piano del management e dell'organizzazione. Ponendo poi l'attenzione sul Soffitto di Cristallo e sulla prima donna manager, Marisa Bellisario, l'opera si conclude con un confronto a tu per tu svolto dall'autrice con donne al vertice dei settori pubblico e privato, in ambito locale e nazionale, sul tema della carriera al femminile.
DANIELA PROFITI nasce a Vibo Valentia nel 1989 e vive a Nicotera. Conseguita nel luglio 2012 la Laurea Triennale in Organizzazione delle Amministrazioni Pubbliche e Private, presso l’Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro, attualmente frequenta il Corso di Laurea Specialistica in Organizzazione dei Servizi della Pubblica Amministrazione nel medesimo Ateneo.

lunedì 28 luglio 2014

PALMI: presentato “I colori del passato” di Pasquale Cotugno


Si è svolta domenica 27 luglio, presso la Villa Comunale di Palmi, la presentazione del libro “I colori del passato” di Pasquale Cotugno (Disoblio Edizioni), promossa dalla Pro Loco di Palmi. Alla presentazione, moderata da Rocco Deodato (Presidente Pro Loco Palmi), sono intervenuti Giovanni Barone (Sindaco di Palmi), Antonio Papalia (Consigliere Comune di Palmi), Rocco Nassi (Poeta), Antonella Cutrupi (Docente di Lettere Istituti d'Istruzione Superiore e poetessa), Salvatore Bellantone (Editore), Pasquale Cotugno (Autore del Libro).
Rocco Deodato ha aperto i lavori sottolineando l'attenzione della Pro Loco negli autori locali, promuovendo presentazioni che consentano loro di farsi riscoprire, e chiarendo come Pasquale Cotugno ricordi con il suo libro il suo paese natale con estrema lucidità, consentendoci di tuffarci nel passato e di guardarlo con gli occhi del presente.
Giovanni Barone ha evidenziato l'importanza di valorizzare chi scrive di noi e per noi, specie quanti come Pasquale Cotugno si dedicano nel far diventare la cultura un fatto del popolo. Pur lasciando la Calabria da giovane, diventando un intellettuale riconosciuto al nord, l'autore è rimasto sempre legato alla sua terra, intendendo tale legame una necessità dello spirito. I colori del passato sono i colori di sempre di una bellissima Palmi, che coloro che vengono da altre regioni riescono a scorgere e che noi, a volte, disprezziamo e non riusciamo a sfruttare positivamente. I racconti di Cotugno ci propongono di guardare al futuro con la coscienza di quel che è stato.
Antonella Cutrupi ha definito I colori del passato un'opera eccezionale, in quanto è un'autobiografia sui generis che racconta brandelli di vita ma anche la terra, la natura che l'autore che vorrebbe sottrarre alla malvagità umana. Si racconta la miseria, le malattie, i pettegolezzi, ma soprattutto un tuffo nella profondità dell'io passato. Si trattiene il respiro e avviene una catarsi al contrario, perché avviene in tal modo la bellezza dell'età giovanile. È chiara anche la malinconia, che spesso cede il passo ai momenti felici; le descrizioni dettagliate e le emozioni si fanno sentire. L'uso dei termini vernacolari sottolinea poi il forte attaccamento al territorio, così come il ricordo denso di rimpianto nei confronti della madre, con cui inizia e finisce l'opera, è la rappresentazione stessa della terra. Un'opera da leggere affinché il passato sia presente nella mente dei giovani.
Il consigliere Antonio Papalia ha evidenziato la bellezza della copertina, che presenta un contrasto cromatico di colori, una distonia tra il nuovo, grigio, e il passato, sempre a colori, e ha ricalcato come i valori di cui è portatore I colori del passato non possono entrare in crisi; è l'uomo che va in crisi. Pasquale Cotugno ci insegna a guardare al passato con orgoglio e al futuro con speranza.
Rocco Nassi ha chiarito come il libro di Pasquale Cotugno sia ricco di immagini, della vita fatta da giovane, della famiglia, del lavoro e dei tanti aspetti della quotidianità passata, e ha recitato dei versi ispirati alla lettura del libro, nei quali ha attraversato simbolicamente i racconti contenuti nel'opera.
Salvatore Bellantone ha ringraziato il prefattore del libro, Oreste Kessel Pace, e ha ringraziato l'autore, Pasquale Cotugno, perché nel suo scritto ricorda i tanti racconti del nonno scomparso più di un anno addietro. Dopodiché ha spiegato come I colori del passato si sposi perfettamente con le parole chiave della casa editrice, in quanto offrono l'occasione di ricordare, di conoscere e di pensare Palmi e la Calabria da altre prospettive, quelle passate appunto, che vanno difese contro la spersonalizzazione e robotizzazione attuale dell'esistente. Occorre capire quanto è possibile recuperare dal tempo andato via: soltanto così possiamo tornare a pensare e a ripensarci in maniera nuova.
L'autore, Pasquale Cotugno, ha detto di sentire la sua età scomparsa, respirando l'aria del paese natio e ha spiegato quanta bellezza ci sia nei fatti, negli avvenimenti e nei personaggi raccontati nel suo libro, elementi mai svaniti ma vivi e vividi nella sua memoria e nel suo cuore. Poi ha chiarito di averle portate alla luce affinché le nuove generazioni possano stabilire un contatto con le loro radici.
Accesa, dunque, la lanterna della Disoblio, i relatori e i presenti hanno potuto lasciarsi illuminare dalla luce della conoscenza, quella di una città come Palmi, ricca di storia e di storie, che ha ancora molto da dire per il rilancio della cultura calabrese.

domenica 27 luglio 2014

PALMI: Oggi la Pro Loco presenta il libro “I colori del passato” di Pasquale Cotugno


Oggi, alle ore 21:00, presso la Villa Comunale di Palmi, la Pro Loco presenta il libro “I colori del passato” di Pasquale Cotugno (Disoblio Edizioni). Alla presentazione, moderata da Rocco Deodato (Presidente Pro Loco Palmi), interverranno: Giovanni Barone (Sindaco di Palmi), Rocco Nassi (Poeta), Antonella Cutrupi (Docente di Lettere Istituti d'Istruzione Superiore e poetessa), Salvatore Bellantone. Sarà presente l'autore.
I colori del passato è una raccolta di racconti ispirati a numerosi fatti, personaggi e paesaggi vissuti nella città di Palmi a partire dal primo dopoguerra, custoditi dall'autore nella dimensione della memoria e dei ricordi. Proposti in chiave narrativa, questi racconti hanno lo scopo di contrastare l'attivismo e il tecnicismo del mondo moderno, che cancellano il passato in favore di una società informe e senza punti di riferimento, e di rivitalizzare la cultura, i valori, le tradizioni popolari e l'identità del popolo palmese e, anche, di quello calabrese.
PASQUALE COTUGNO è nato a Palmi il 4 Settembre 1925 e vive a Torino. Diplomatosi al Liceo Ginnasio “N. Pizi” di Palmi, si è laureato in Pedagogia presso l’Università degli Studi di Messina e ha conseguito il diploma in Letteratura Italiana, Storia e Geografia a Roma. Docente di ruolo negli Istituti d’Istruzione Superiore a Torino, ne 1991 ha completato la carriera dopo quarant’anni di servizio nell’ITIS “Avogadro” di Torino. Nella stessa città insieme a un gruppo di intellettuali partecipa alla fondazione del mensile “Mediterraneo” per il quale conduce rubriche culturali e artistiche, dedicandosi in special modo agli studi sulle origini delle città della Magna Grecia. Scrittore e autore di poesie, ha partecipato a diversi premi letterari in lingua e in vernacolo, ricevendo numerosi riconoscimenti. La sua poesia Aspromonte è stata inserita nell’Antologia dei Poeti Contemporanei (Alloro, 1972) e altre se ventiquattro liriche sono state inserite nell’antologia Orizzonti del Libro Italiano (Ragusa, 2003). Ha pubblicato: Lu viaggiu divinu (Palermo, 1954), Juri di campu e juri di giardinu (S.G.T., 1983).

sabato 26 luglio 2014

SAN ROBERTO: Mercoledì 30 luglio presentazione del libro “500 regole. UN manuale per partecipare alla politica” di Antonio Scuticchio


Si svolgerà mercoledì 30 luglio, alle ore 18:00, presso il Museo di Arte Contemporanea, sito in località Colelli di San Roberto, la presentazione del libro “500 regole. Un manuale per partecipare alla politica” di Antonio Scuticchio (Disoblio Edizioni). Alla presentazione, moderata da Maria Francesca Fassari, interverranno: Roberto Vizzari (Sindaco di San Roberto), Maria Cotroneo (Ass. Culturale "Telesia" - Museo di Arte Contemporanea), Antonio Giuseppe D'Agostino (Direttore Cmnews), Salvatore Bellantone (Editore). Sarà presente l'autore.
L'opera consiste in una raccolta di massime e sentenze utili sia al politico di professione, che fa la politica, sia al comune cittadino che desidera conoscere la politica. Utilizzando il metodo della generalizzazione, l'opera si rifà ad alcuni precedenti storici e ad alcune osservazioni sul campo dalle quali sono state estrapolate delle regole per comprendere, in ordine, che cos'è la politica; i suoi valori e disvalori; i principi; la sua logica e la sua prassi; la leadership; le regole per governare; la comunicazione; gli accordi, i negoziati e le alleanze; le strategie; la tattica; gli evitanda. Passando in rassegna le 500 regole che la compongono, l'opera informa sulle principali figure attorno alle quali si è svolta la storia della politica nazionale e internazionale.
Antonio Scuticchio (Roma, 10 gennaio 1966), si è laureato in Giurisprudenza nel 1991 e ha vinto il concorso per l’iscrizione all’Istituto per la Formazione al Giornalismo di Bologna (1992), dove, durante il periodo di praticantato, ha iniziato a occuparsi di cronaca politica sia locale sia nazionale (con stage alla Camera dei Deputati nel 1994). In oltre 20 anni ha lavorato per varie testate (La Gazzetta di Modena; Paese Sera; Mondo Economico; Il Quotidiano della Calabria; Vuellesette Cinquestelle; Calabria Web; La Discussione; Apcom; Radio Onda Verde). Dal 1995 ha maturato esperienze in uffici stampa e staff di istituzioni politiche calabresi a livello provinciale e regionale. Ha partecipato direttamente alla politica in qualità di membro di comitati provinciali e regionali di partito. Questo manuale costituisce la sua prima opera letteraria. Vive a Vibo Valentia, dove svolge la professione di avvocato e di giornalista.
A seguire concerto di chitarra e violoncello a cura dei The Street Spirit.

venerdì 25 luglio 2014

BAGNARA: Venerdì 1 agosto presentazione del romanzo “Moira” di Giuseppe Bagnato


Si svolgerà venerdì 1 agosto, alle ore 21:30, presso la Piazza Matteotti, all'interno del 49° Gran Galà del Pescespada, promosso dall'Associazione Turistica Pro Loco di Bagnara Calabra, la presentazione del romanzo “Moira” di Giuseppe Bagnato (Disoblio Edizioni). Alla presentazione, moderata da Maria Francesca Fassari (Redattrice), interverranno: Cesare Zappia (Sindaco di Bagnara Calabra), Giuseppe Spoleti (Assessore alla Cultura di Bagnara Calabra), Orlando Fazzolari (Sindaco di Varapodio), Bruno Ienco (Presidente Pro Loco di Bagnara Calabra), Vincenzo Laurendi (Scrittore e Giornalista), Salvatore Bellantone (Editore). Sarà presente l'autore.
Un giovane innamorato degli alberi di ulivo e del mare sullo Stretto incontra una ragazza dagli occhi spenti in una casetta di montagna. Capisce di essere strettamente legato a lei, in maniera segreta, invisibile e incomprensibile. E questa consapevolezza si rafforza nel momento in cui la fanciulla scompare improvvisamente. Partendo assieme a Ciccio alla ricerca di Moira, il lettore si ritroverà immerso in un itinerario tra i paesaggi più incantevoli della Calabria, destinati a diventare una metafora dei pensieri e delle emozioni più nascoste alla propria coscienza. Raggelanti misteri e peripezie attendono Ciccio, ma anche insopportabili rivelazioni. E se la ricerca di Moira coincidesse con la scoperta della propria vera identità?
GIUSEPPE BAGNATO è nato a Varapodio (RC) nel 1971, dove attualmente vive e svolge la professione di contadino. Ha già pubblicato Caino, Lucifero e il piccolo fioraio (2004) e Fiore Avvelenato (Il filo, 2008). Nel 2005 ha ricevuto la Targa Navi e Naviganti partecipando al “Premio Anoia Salvatore Gemelli”.
La presentazione sarà seguita dal Pure Southern Rock dei Southern Gentlemen League.

giovedì 24 luglio 2014

CAULONIA MARINA: Giovedì 31 luglio incontro con La dimensione N di Paolo Cirillo


Si svolgerà giovedì 31 luglio, alle ore 22:00, presso il Ristorante “Chacarita” - Camping Afrodite di Caulonia Marina, l'incontro con “La dimensione N” di Paolo Cirillo, promosso dall'Associazione Culturale Gnoseon e dalla casa editrice Disoblio Edizioni. Nel corso dell'incontro, durante il quale s'inaugurerà la mostra personale del pittore, avrà luogo la presentazione dell'omonimo libro, alla quale parteciperanno: Franco Cagliuso (Assessore Cultura e Pubblica Istruzione di Caulonia), Alfredo Piscioneri (Presidente Gnoseon), Maria Francesca Fassari (Redattrice), Salvatore Bellantone (Editore), Angela Cristofaro (Vice Presidente Gnoseon). Sarà presente l'autore.
L'opera raccoglie un racconto e alcune poesie, accompagnati figurativamente da svariate immagini, che consentono al lettore di intraprendere un viaggio attraverso svariati temi – la scelta, il tempo, l'universo, la terra, gli esseri umani, il fascino della semplicità delle cose, il mercato, la sofferenza, il potere, la banalità e altri ancora – e dentro di sé, alla ricerca della propria prospettiva sulle cose, invogliandolo alla (ri)scoperta della propria unicità, contro la logica, la società, la schiera di schemi convenzionali ereditati e, generalmente, accettati passivamente dal parco umano. Criticando senza mezzi termini il nostro tempo, la società e la tipologia umana dominante, l'autore/protagonista si scaglia contro il concetto di “ragione”, in qualsiasi salsa si manifesti, e propone un ritorno a una visione “folle, trasognata della vita”, nella quale è ancora possibile trovare un pizzico di felicità.
PAOLO CIRILLO è nato a Roma il 6 marzo del 1952. Conseguita la maturità scientifica e frequentato un anno dell'Accademia di Belle Arti di Roma – Corso di Pittura, dall'età di 20 anni ha iniziato la carriera di pittore e scultore riscuotendo notevole successo alle sue personali e alle tante mostre collettive e concorsi sia in Italia sia all'estero. Premiato più volte tra il '72 e l'84, riceve anche la nomina per meriti artistici a Cavaliere di Grazia Magistrale del Sovrano Militare Ospitaliero Ordine di San Giorgio in Carinzia. La biografia completa è consultabile nel sito www.paolocirillo.com .

martedì 22 luglio 2014

PALMI: Domenica 27 luglio la Pro Loco presenta il libro “I colori del passato” di Pasquale Cotugno


Domenica 27 luglio, alle ore 22:00, presso la Villa Comunale di Palmi, la Pro Loco presenta il libro “I colori del passato” di Pasquale Cotugno (Disoblio Edizioni). Alla presentazione, moderata da Rocco Deodato (Presidente Pro Loco Palmi), interverranno: Giovanni Barone (Sindaco di Palmi), Rocco Nassi (Poeta), Antonella Cutrupi (Docente di Lettere Istituti d'Istruzione Superiore e poetessa), Salvatore Bellantone. Sarà presente l'autore.
I colori del passato è una raccolta di racconti ispirati a numerosi fatti, personaggi e paesaggi vissuti nella città di Palmi a partire dal primo dopoguerra, custoditi dall'autore nella dimensione della memoria e dei ricordi. Proposti in chiave narrativa, questi racconti hanno lo scopo di contrastare l'attivismo e il tecnicismo del mondo moderno, che cancellano il passato in favore di una società informe e senza punti di riferimento, e di rivitalizzare la cultura, i valori, le tradizioni popolari e l'identità del popolo palmese e, anche, di quello calabrese.
PASQUALE COTUGNO è nato a Palmi il 4 Settembre 1925 e vive a Torino. Diplomatosi al Liceo Ginnasio “N. Pizi” di Palmi, si è laureato in Pedagogia presso l’Università degli Studi di Messina e ha conseguito il diploma in Letteratura Italiana, Storia e Geografia a Roma. Docente di ruolo negli Istituti d’Istruzione Superiore a Torino, ne 1991 ha completato la carriera dopo quarant’anni di servizio nell’ITIS “Avogadro” di Torino. Nella stessa città insieme a un gruppo di intellettuali partecipa alla fondazione del mensile “Mediterraneo” per il quale conduce rubriche culturali e artistiche, dedicandosi in special modo agli studi sulle origini delle città della Magna Grecia. Scrittore e autore di poesie, ha partecipato a diversi premi letterari in lingua e in vernacolo, ricevendo numerosi riconoscimenti. La sua poesia Aspromonte è stata inserita nell’Antologia dei Poeti Contemporanei (Alloro, 1972) e altre se ventiquattro liriche sono state inserite nell’antologia Orizzonti del Libro Italiano (Ragusa, 2003). Ha pubblicato: Lu viaggiu divinu (Palermo, 1954), Juri di campu e juri di giardinu (S.G.T., 1983).

martedì 15 luglio 2014

In libreria! MOIRA di Giuseppe Bagnato


PAGINE: 112
MESE/ANNO: 07/14
ISBN: 978-88-98932-01-6
DIMENSIONI: 15x21 cm
GENERE: Narrativa
COLLANA: Oneiroi
PREZZO: € 12,00

Descrizione:
Un giovane innamorato degli alberi di ulivo e del mare sullo Stretto incontra una ragazza dagli occhi spenti in una casetta di montagna. Capisce di essere strettamente legato a lei, in maniera segreta, invisibile e incomprensibile. E questa consapevolezza si rafforza nel momento in cui la fanciulla scompare improvvisamente. Partendo assieme a Ciccio alla ricerca di Moira, il lettore si ritroverà immerso in un itinerario tra i paesaggi più incantevoli della Calabria, destinati a diventare una metafora dei pensieri e delle emozioni più nascoste alla propria coscienza. Raggelanti misteri e peripezie attendono Ciccio, ma anche insopportabili rivelazioni. E se la ricerca di Moira coincidesse con la scoperta della propria vera identità?

lunedì 14 luglio 2014

In libreria! I COLORI DEL PASSATO di Pasquale Cotugno


PAGINE: 152
MESE/ANNO: 07/14
ISBN: 978-88-98932-05-4
DIMENSIONI: 15x21 cm
GENERE: Narrativa
COLLANA: Oneiroi
PREZZO: € 12,00

Descrizione:
I colori del passato è una raccolta di racconti ispirati a numerosi fatti, personaggi e paesaggi vissuti nella città di Palmi a partire dal primo dopoguerra, custoditi dall'autore nella dimensione della memoria e dei ricordi. Proposti in chiave narrativa, questi racconti hanno lo scopo di contrastare l'attivismo e il tecnicismo del mondo moderno, che cancellano il passato in favore di una società informe e senza punti di riferimento, e di rivitalizzare la cultura, i valori, le tradizioni popolari e l'identità del popolo palmese e, anche, di quello calabrese.

domenica 13 luglio 2014

BAGNARA: Presentato alla Soms “L'alba e la notte inventerò” di Lilla Sturniolo Misiano


Si è svolta venerdì 11 luglio, presso la Società Operaia di Mutuo Soccorso di Bagnara Calabra, la presentazione del libro “L'alba e la notte inventerò” di Lilla Sturniolo Misiano (Disoblio Edizioni). Alla presentazione, moderata da Maria Francesca Fassari (Redattrice), sono intervenuti Cesare Zappia (Sindaco di Bagnara Calabra), Mimma Garoffolo (Presidente SOMS), Mattia Milea (Docente in Lingue c/o II S r. Piria di Rosarno e Università per Mediatori Linguistici di Catona), Salvatore Bellantone (Editore), Lilla Sturniolo Misiano (Autrice del Libro).
Dopo i saluti iniziali di Cesare Zappia, Mimma Garoffolo ha ribadito l'importanza di questi eventi culturali per la SOMS, allo scopo di imparare sempre qualcosa di nuovo per mezzo dei libri.
Mattia Milea ha chiarito il senso del titolo della sua prefazione alla silloge di Lilla Sturniolo Misiano e, leggendo alcuni versi di L'alba e la notte inventerò, ha spiegato la struttura dell'opera, mettendone in risalto i momenti cruciali. Tre capitoli i cui titoli rinviano al fluire dei pensieri, a una via di fuga e al mal di vivere, incarnati dalla figura di Maria di Magdala, dalla figura di un lui e dalla speranza che incalza la terza parte. Un susseguirsi di emozioni quasi visibili a occhi aperti per mezzo di metafore, simboli e sinestesie, ci conducono in un viaggio simile quasi a una via crucis, che termina nel finale agghiacciante della poesia “Germoglia”.
Salvatore Bellantone ha letto “Tace la sera” per portare l'attenzione dei presenti della salita della conoscenza, un percorso fisico e simbolico che ci allontana dal caos della società e della quotidianità per portarci nel silenzio della sera e del pensiero. Secondo l'editore, Lilla Sturniolo Misiano ci propone un'impresa ardua al di là delle mode tecnologiche dominanti il nostro tempo, e cioè quella del pensiero per mezzo dei versi, così come facevano gli antichi poeti e filosofi greci. La sfida della poesia, oggigiorno, coincide con quella della letteratura e incarna il bisogno di pensare. L'alba e la notte inventerò è una metafora della vita di ognuno di noi, colma di difficoltà e di duelli quotidiani ma anche urgente di decisioni responsabili, per testimoniare la voglia di andare avanti da stimolare soprattutto nei ragazzi. Tale volontà è originata dall'amore, che ognuno di noi deve imparare: non si può amare gli altri se non si impara ad amare se stessi, così come si è e privi delle maschere della società di massa. L'opera di Lilla Sturniolo Misiano apre la collana Erato, musa del canto corale e della poesia amorosa, e inizia uno spazio di interrogazione e di proposizione di senso per mezzo della poesia.
Lilla Sturniolo Misiano ha ringraziato i presenti e ha chiarito come per la cultura ebraica l'alba e la notte costituiscano il perfetto opposto rispetto alla nostra cultura; questa precisazione per chiarire come il titolo del suo libro, L'alba e la notte inventerò, affermi che, in realtà, è sempre giorno agli occhi dell'anima e del pensiero, anche i momenti più bui. Tutti viviamo momenti di difficoltà ma il dolore è una porta aperta all'amore. Il mio libro parla dunque dell'amore, declinandolo in numerose forme possibili. L'amore è vivere nell'adesso, non nell'addio, ma coscienti che l'addio potrebbe accadere in qualsiasi istante. Scrivo sempre pensando alla bellezza che mi circonda. Il vero amore crea perché è una porta aperta. Nella natura scorgo una mano invisibile che crea e che ha creato la natura stessa per sedurmi con la sua bellezza. La poesia è a-storica. C'è ed è sempre esistita. La ricostruzione della nostra coscienza dovrebbe partire da essa e dal sentimento. La nostra cultura è stata abbassata e massificata in chiave economica. Bisogna ripartire da chi ha tutto e dà tutto, quel dio che si cela nella bellezza che ci sta attorno.
La serata si è conclusa con l'accensione della lanterna della Disoblio, per un giorno luce della conoscenza e dell'amore, sotto i cui raggi si sono svolti interventi dal pubblico e dibattiti intorno alla fragilità della nostra società e alla necessità di pensarla in maniera nuova.

venerdì 11 luglio 2014

BAGNARA: Oggi la Soms presenta il libro “L'alba e la notte inventerò” di Lilla Sturniolo Misiano


Si svolgerà oggi, alle ore 22:00, presso la Società Operaia di Mutuo Soccorso di Bagnara Calabra, la presentazione del libro “L'alba e la notte inventerò” di Lilla Sturniolo Misiano (Disoblio Edizioni). Alla presentazione, moderata da Maria Francesca Fassari (Redattrice), interverranno: Cesare Zappia (Sindaco di Bagnara Calabra), Giuseppe Spoleti (Assessore alla Cultura di Bagnara Calabra), Mattia Milea (Docente in Lingue c/o II S r. Piria di Rosarno e Università per Mediatori Linguistici di Catona), Salvatore Bellantone (Editore). Sarà presente l'autrice.
La silloge L'alba e la notte inventerò propone un cammino intellettuale, nell'anima e nel pensiero, attraverso quelle emozioni e quegli interrogativi giunti con l'ispirazione, generata da visioni ora concrete ora astratte che distolgono l'attenzione dalla frenesia della quotidianità indirizzandola verso una dimensione più spirituale del mistero dell'esserci individuale nell'esistenza cosmica. In questa dimensione altra vivono concetti, sensazioni, percezioni e passioni, che l'autrice, conducendo una contesa con i versi, tenta di tradurre in parole, imprimendovi l'orma degli stati d'animo provati nella folgorazione. Attraversando l'incertezza del mondo e del domani, il percorso dirige verso un evento cairologico, nuovo, unico e creatore di nuove stelle fisse, capaci, con la loro luce, di orientare i passi nel mistero della vita.
LILLA STURNIOLO è nata a Siracusa e vive a Palmi. Laureata in Lettere con lode all’Università degli Studi di Messina, in Storia della Letteratura Cristiana antica greca e latina, attualmente è docente di Letteratura Italiana e Storia presso il Liceo Artistico “M. Guerrisi” di Palmi e presso l’Istituto Teologico Diocesano “Giovanni XXIII” di Gioia Tauro, dove insegna Storia della Chiesa. Scrive e collabora da 27 anni con quotidiani e riviste internazionali come Vivere In e nazionali come Radici Cristiane, Calabria Letteraria, Calabria Sconosciuta, oltre a riviste locali come La Piana. Ha partecipato a svariati concorsi letterari, ricevendo numerosi riconoscimenti e premi; è stata relatrice al III Congresso Internazionale del Movimento di Diritto Pontificio di Fiuggi sul tema “Globalità e globalizzazione”. Ha pubblicato il volumetto di racconti Con gli occhi dell’anima (Vivere In, 2010) e cinque raccolte di poesia: Sospira con me il vento... (Casa Editrice Salentina, 2010), Nel buio non dorme la luce (Ancora, 2010), Pietra che genera fiori (L’alba, 2010), Dai gradini lenti del sole (Parva Melara 2011), Agresti percorsi di parole (Vivere In, 2013).

lunedì 7 luglio 2014

BAGNARA: Venerdì 11 luglio la Soms presenta il libro “L'alba e la notte inventerò” di Lilla Sturniolo Misiano


Si svolgerà venerdì 11 luglio, alle ore 22:00, presso la Società Operaia di Mutuo Soccorso di Bagnara Calabra, la presentazione del libro “L'alba e la notte inventerò” di Lilla Sturniolo Misiano (Disoblio Edizioni). Alla presentazione, moderata da Maria Francesca Fassari (Redattrice), interverranno: Cesare Zappia (Sindaco di Bagnara Calabra), Giuseppe Spoleti (Assessore alla Cultura di Bagnara Calabra), Mattia Milea (Docente in Lingue c/o II S r. Piria di Rosarno e Università per Mediatori Linguistici di Catona), Salvatore Bellantone (Editore). Sarà presente l'autrice.
La silloge L'alba e la notte inventerò propone un cammino intellettuale, nell'anima e nel pensiero, attraverso quelle emozioni e quegli interrogativi giunti con l'ispirazione, generata da visioni ora concrete ora astratte che distolgono l'attenzione dalla frenesia della quotidianità indirizzandola verso una dimensione più spirituale del mistero dell'esserci individuale nell'esistenza cosmica. In questa dimensione altra vivono concetti, sensazioni, percezioni e passioni, che l'autrice, conducendo una contesa con i versi, tenta di tradurre in parole, imprimendovi l'orma degli stati d'animo provati nella folgorazione. Attraversando l'incertezza del mondo e del domani, il percorso dirige verso un evento cairologico, nuovo, unico e creatore di nuove stelle fisse, capaci, con la loro luce, di orientare i passi nel mistero della vita.
LILLA STURNIOLO è nata a Siracusa e vive a Palmi. Laureata in Lettere con lode all’Università degli Studi di Messina, in Storia della Letteratura Cristiana antica greca e latina, attualmente è docente di Letteratura Italiana e Storia presso il Liceo Artistico “M. Guerrisi” di Palmi e presso l’Istituto Teologico Diocesano “Giovanni XXIII” di Gioia Tauro, dove insegna Storia della Chiesa. Scrive e collabora da 27 anni con quotidiani e riviste internazionali come Vivere In e nazionali come Radici Cristiane, Calabria Letteraria, Calabria Sconosciuta, oltre a riviste locali come La Piana. Ha partecipato a svariati concorsi letterari, ricevendo numerosi riconoscimenti e premi; è stata relatrice al III Congresso Internazionale del Movimento di Diritto Pontificio di Fiuggi sul tema “Globalità e globalizzazione”. Ha pubblicato il volumetto di racconti Con gli occhi dell’anima (Vivere In, 2010) e cinque raccolte di poesia: Sospira con me il vento... (Casa Editrice Salentina, 2010), Nel buio non dorme la luce (Ancora, 2010), Pietra che genera fiori (L’alba, 2010), Dai gradini lenti del sole (Parva Melara 2011), Agresti percorsi di parole (Vivere In, 2013).

martedì 1 luglio 2014

PREMIO LETTERARIO ALL'IN SUD: prorogati al 31 luglio i termini di scadenza per iscriversi alla Seconda Edizione


Sono stati prorogati al 31 luglio 2014 i termini di scadenza per iscriversi al 2° Premio Letterario All'in Sud, evento promosso dalla casa editrice Disoblio Edizioni, con il patrocinio del Comune di Bagnara Calabra e dell'Accademia del Bergamotto di Reggio Calabria.
Protagonisti di questo nuovo viaggio saranno tutti quegli autori, vicini e lontani, che, partecipando, racconteranno con i propri occhi che cos'è il Sud. Questa narrazione, tra il bene e il male, la sua ricchezza e la sua povertà, la sua bellezza e la sua tragicità, ha lo scopo di far conoscere da vicino il Sud e di stimolare una rinascita del Sud sul piano umano e comunitario. Così com'è riassunto nel logo del concorso, il Premio Letterario ha come stella fissa un Sud differente, cosciente cioè di se stesso, della propria storia, delle proprie unicità e potenzialità pluridimensionali ma anche delle proprie criticità attuali, punto di partenza per rivedere, di nuovo, il Sud all'in su, così com'era rappresentato nelle antiche carte nautiche e geografiche, e cioè inteso come centro del Mediterraneo e centro del mondo.
Sei sono le sezioni in cui è possibile partecipare: alle quattro categorie partite la scorsa edizione, ossia “Racconto Inedito, Saggio Inedito, Silloge Inedita – Sezione Gian Domenico Gatto, Silloge Calabrese Inedita”, in questa nuova edizione si aggiungono “Silloge Siciliana Inedita, Poesia Greco-Calabra Inedita”, allo scopo di ampliare il ventaglio delle possibilità narrative e conoscitive. In palio, per i primi classificati di ogni sezione, la pubblicazione dell'opera.
Per partecipare, basta scaricare il bando del 2° Premio Letterario All'in Sud dai siti disoblioedizioni.blogspot.com o www.slideshare.net/disoblioedizioni/bando-2-premio-letterario-allin-sud-2013-2014 .
La Cerimonia di Premiazione, nel corso della quale saranno premiati i vincitori del concorso e saranno conferiti dei riconoscimenti alla carriera ad enti, aziende, associazioni, studiosi e personalità che hanno vissuto nell'amore per il Sud, avrà luogo nell'autunno 2014 presso il Museo del Bergamotto di Reggio Calabria.

Prossimamente in libreria...