lunedì 29 luglio 2013

Presentato a Nicotera Marina il libro “Andamento lento. La gestione della carriera al femminile” di Daniela Profiti


Si è svolta venerdì 26 luglio, alle ore 21:30, presso il pub “Da Jerry” sito in corso Garibaldi 54 di Nicotera Marina, la presentazione del libro “Andamento lento. La gestione della carriera al femminile” di Daniela Profiti (Disoblio Edizioni), promossa dalla casa editrice Disoblio Edizioni con il patrocinio del comune di Nicotera. Nel corso della presentazione, moderata da Maria Francesca Fassari (Redattrice), Sono intervenuti Francesco Pagano (Sindaco di Nicotera), Francesco Tripaldi (Corrispondente Calabria Ora), Salvatore Bellantone (Disoblio Edizioni), Daniela Profiti (Autrice).
Il sindaco Francesco Pagano ha evidenziato come il libro di Daniela Profiti sia un'opportunità per valorizzare i figli della terra nicoterese ma anche per riscoprire quell'antico retroterra culturale fondato sul binomio cultura/vita, necessario per rilanciare il progresso di una cittadina dal glorioso passato. Secondo Pagano, occorre uscire dalla contrapposizione donna/uomo ponendo un problema di cultura, il quale va affrontato in ogni livello della società nicoterese, partendo dal riconoscimento che proprio in ogni sfera sociale la donna produce e svolge già dei ruoli fondamentali sul piano familiare, lavorativo e manageriale. Inutile parlare di quote rosa e di legislazione di sotegno, la donna secondo Pagano, deve emergere spontaneamente e non ha bisogno di chiedere il permesse a nessun uomo per farlo.
Il giornalista Francesco Tripaldi ha apprezzato l'opera sul piano editoriale e contenutistico e ha proposto all'autrice di svolgere un lavoro sul pensiero delle corti italiane, per dare continuità a un percorso di studi al femminile, degno di nota. Dopodiché, Tripaldi ha chiarito come la lotta sulla parità dei diritti vada di pari passo alla progettazione per i più giovani e, dunque chiami in causa la questione della politica, della morale e della cultura, elementi decisivi per parlare, e vedere concretamente, quell'emancipazione di fatto che la donna sta realizzando, lentamente sì, ma con continuità e senza sosta alcuna.
L'editore Salvatore Bellantone ha evidenziato come il testo di Daniela Profiti sia un'opera che ogni donna debba avere nella propria libreria, per cominciare quel percorso di conoscenza e di approfondimento riguardante la storia dell'emancipazione femminile sul piano del diritto e del lavoro, gli attuali enti nazionali e internazionali e le leggi chiave che tutelano il lavoro femminile, l'esempio di alcune donne al vertice che si misurano quotidianamente con il lavoro e la maternità e le difficoltà ad esse legate.
Daniela Profiti, infine, dopo aver chiarito la genesi dell'opera, prendendo spunto dalla prima donna manager Marisa Bellisario, ha sottolineato, a proposito di carriera e discriminazione, come spesso sia la donna stessa ad auto-discriminarsi perché vittima di una società coniugata al maschile, sintetizzata dalla metafora del Soffitto di Cristallo. La donna dovrebbe, ha concluso l'autrice, riconoscere le capacità che già manifesta nella gestione della casa e della famiglia e impiegarle nel lavoro per rinnovare dal di dentro una società che ha bisogno di aria fresca, idee e soluzioni pratiche che consentano il migliore rendimento di un'azienda, di un ente e di tutti coloro che ne fanno parte o vi lavorano, garantendo inoltre una diversa qualità della vita.


lunedì 22 luglio 2013

1° Premio Letterario "All'in Sud": elenco definitivo degli iscritti e sezioni del concorso annullate


Di seguito, l'elenco definitivo degli iscritti al 1° Premio Letterario "All'in Sud" edizione 2012-2013:

SEZIONE A (racconto inedito):
  1. Placanica Pasqualino
  2. Natalino Tripodi
  3. Giusy Staropoli Calafati
  4. Vincenzo Laurendi
  5. Franco Zumbo
  6. Gabriele Unnei Miceli
  7. Salvo Biondi
SEZIONE B (romanzo inedito):

SEZIONE C (saggio inedito):
  1. Armido Cario
  2. Luigia De Francesco

SEZIONE D (silloge inedita):
  1. Salvatore Gaglio
  2. Giusy Staropoli Calafati
  3. Chiara De Francia
  4. Antonio Fonti
  5. Gabriella Rossitto
  6. Maddalena Portone

SEZIONE E (silloge dialettale inedita):

  1. Morena Carmelo
  2. Lucisano Bruno Salvatore
  3. Giusy Staropoli Calafati

    La sezione B (romanzo inedito) è annullata per assenza iscritti. La sezione C (saggio inedito) è annullata per numero iscritti insufficiente alla valutazione e all'equiparazione delle opere, da parte dei giurati. Le quote di partecipazione e le due copie non autografe saranno restituite ai rispettivi autori. La copia autografa pervenuta, sarà invece archiviata quale prova della avvenuta iscrizione e dell'avvenuto annullamento della sezione a causa dell'insufficiente numero d'iscrizioni.

sabato 20 luglio 2013

Venerdì 26 luglio presentazione del libro “Andamento lento. La gestione della carriera al femminile” di Daniela Profiti


Venerdì 26 luglio, alle ore 21:30, presso il pub “Da Jerry” sito via Garibaldi di Nicotera Marina, Disoblio Edizioni, con il patrocinio del Comune di Nicotera, promuove la presentazione del libro “Andamento lento. La gestione della carriera al femminile” di Daniela Profiti (Disoblio Edizioni). Nel corso della presentazione, moderata da Maria Francesca Fassari (Redattrice), interverranno: Francesco Pagano (Sindaco di Nicotera), Enza dell'Acqua (Corrispondente Il Quotidiano della Calabria), Francesco Tripaldi (Corrispondente Calabria Ora), Salvatore Bellantone (Disoblio Edizioni). Sarà presente l’autrice.
Ripercorrendo brevemente le principali tappe della storia del lavoro femminile nel XX secolo, Andamento lento. La gestione della carriera a femminile individua i momenti cruciali che hanno scandito l'ascesa femminile, lenta sì ma qualitativamente inarrestabile, in ambito lavorativo, economico, politico e legislativo. Proseguendo con una descrizione dei principali organi istituzionali nazionali ed europei che tutelano il lavoro e i diritti femminili, l'opera affronta la questione del fare carriera al femminile. Se da un lato l'autrice sottolinea le crepe legislative ed economiche a danno della donna e anche dell'azienda, in relazione al tema della maternità, dall'altro lato evidenzia la convenienza dell'investimento sulle donne in ambito aziendale, specialmente sul piano del management e dell'organizzazione. Ponendo poi l'attenzione sul Soffitto di Cristallo e sulla prima donna manager, Marisa Bellisario, l'opera si conclude con un confronto a tu per tu svolto dall'autrice con donne al vertice dei settori pubblico e privato, in ambito locale e nazionale, sul tema della carriera al femminile.
Daniela Profiti nasce a Vibo Valentia nel 1989 e vive a Nicotera. Conseguita nel luglio 2012 la Laurea Triennale in Organizzazione delle Amministrazioni Pubbliche e Private, presso l’Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro, attualmente frequenta il Corso di Laurea Specialistica in Organizzazione dei Servizi della Pubblica Amministrazione nel medesimo Ateneo.


lunedì 15 luglio 2013

Presentato il libro “Andamento lento. La gestione della carriera al femminile” di Daniela Profiti, a Bagnara Calabra


Si è svolta venerdì 12 luglio, alle ore 21:00, presso il Grand Hotel Victoria sito in piazza Marconi di Bagnara Calabra, la presentazione del libro “Andamento lento. La gestione della carriera al femminile” di Daniela Profiti, promossa dalla casa editrice Disoblio Edizioni con il patrocinio del Comune di Bagnara Calabra. Nel corso della serata, moderata da Silvana Ruggiero (Presidente A.GE.S.S.), sono intervenuti Cesare Zappia (Sindaco di Bagnara Calabra), Giuseppe Spoleti (Assessore alla Cultura di Bagnara Calabra), Vera Barilà (Il Quotidiano della Calabria), Virginia Parisi (Presidente Nuovi Orizzonti), Salvatore Bellantone (Disoblio Edizioni), Daniela Profiti (autrice del libro).
Dopo i saluti iniziali di Giuseppe Spoleti e di Cesare Zappia, che hanno sottolineato come sia giunta l'ora in cui le donne prendano da sole il posto che spetta loro, le relatrici Silvana Ruggiero, Virginia Parisi e Verà Barilà hanno evidenziato l'attualità del testo proposto da Daniela Profiti, specialmente in un periodo in cui si sente spesso parlare di femminicidio, stalking, violenza sulle donne. Se nella storia della nostra società, dominata dal Soffitto di Cristallo, la donna è vissuta sempre in secondo piano rispetto agli uomini, dal dopoguerra ai nostri giorni si è iniziato ad assistere un cambio di direzione, con il quale la donna ha smesso in maniera esponenziale di limitare la propria esistenza alla figura di angelo del focolare, proiettandosi a quella di donna in carriera. Nel corso del XX secolo si è assistito al lento e inarrestabile progresso femminile che ha condotto a un ripensamento e a una riforma degli ordinamenti giuridici, delle condizioni economico-lavorative, della società. Questo circuito di innovazione e riorganizzazione della società è ancora in fieri, dal momento che i temi all'ordine del giorno sono le politiche di pari opportunità e la tutela del lavoro femminile, nei settori pubblico e privato, e che la donna, diversamente dagli uomini, deve avere a che fare, oltre che con la carriera, anche con la maternità.
L'editore Salvatore Bellantone ha chiarito come il testo di Daniela Profiti possa rappresentare un ottimo punto di partenza per tutte quelle donne che desiderano conoscere la storia dei traguardi raggiunti dalle donne sul piano della tutela del diritto al lavoro femminile, i principali enti nazionali e internazionali e le leggi chiave a tutela di quest'ultimo, lo stato attuale del rapporto donna e carriera, e le problematiche interconnesse, sviscerato dall'autrice attraverso l'intervista di donne al vertice nei settori pubblico e privato, provenienti dalla Calabria o dal resto d'Italia.
Infine, Daniela Profiti, dopo aver spiegato la genesi dell'opera, ha concentrato la sua attenzione sul tema carriera e discriminazione, sottolineando come tante volte, proprio come ha affermato la prima donna manager Marisa Bellisario, sia proprio la donna stessa auto-discriminarsi, proprio perché vittima di una società che pensa al maschile, ne è un esempio la paradossalità della questione “quote rosa, quote azzurre” tanto discussa in questi giorni, questione che invece non dovrebbe essere nemmeno posta, perché è la donna stessa che deve prendere da sé, in politica come in azienda, il ruolo che le spetta di diritto e per competenza dimostrata.
Il filosofo Gianfranco Cordì, tra i presenti, è intervenuto sottolineando come il problema della discriminazione femminile sia dovuto anche al processo di spettacolarizzazione mediatica, il quale propone un'idea di donna troppo antica, che ormai non corrisponde più alla nostra società. Bisogna dunque, secondo il filosofo Cordì, mettere mano alla spettacolarizzazione e proporre un'idea di donna differente, più vicina alla realtà, a quella cioè che ha ormai raggiunto i ruoli cardine su cui si sorregge la nostra società.

È stata, per concludere, una serata tutta al femminile, durante la quale i numerosi partecipanti hanno potuto assistere all'ormai celebre e metaforica accensione della lanterna, simbolo della casa editrice Disoblio Edizioni, il cui fuoco ha iniziato a proiettare la luce della conoscenza su una realtà con cui occorre fare i conti: bisogna ripartire dalle e con le donne.

mercoledì 3 luglio 2013

Venerdì 12 luglio presentazione del libro “Andamento lento. La gestione della carriera al femminile” di Daniela Profiti


Venerdì 12 luglio, alle ore 21:00, presso la Hall del Grand Hotel Victoria sita in piazza Marconi di Bagnara Calabra, Disoblio Edizioni, con il patrocinio del Comune di Bagnara Calabra, promuove la presentazione del libro “Andamento lento. La gestione della carriera al femminile” di Daniela Profiti (Disoblio Edizioni). Nel corso della presentazione, moderata da Silvana Ruggiero (Presidente A.GE.S.S.), interverranno: Cesare Zappia (Sindaco di Bagnara Calabra), Giuseppe Spoleti (Assessore alla Cultura di Bagnara Calabra), Tilde Minasi (Consigliere Regionale), Vera Barilà (Il Quotidiano della Calabria), Virginia Parisi (Presidente Nuovi Orizzonti), Salvatore Bellantone (Disoblio Edizioni). Sarà presente l’autrice.
Ripercorrendo brevemente le principali tappe della storia del lavoro femminile nel XX secolo, Andamento lento. La gestione della carriera a femminile individua i momenti cruciali che hanno scandito l'ascesa femminile, lenta sì ma qualitativamente inarrestabile, in ambito lavorativo, economico, politico e legislativo. Proseguendo con una descrizione dei principali organi istituzionali nazionali ed europei che tutelano il lavoro e i diritti femminili, l'opera affronta la questione del fare carriera al femminile. Se da un lato l'autrice sottolinea le crepe legislative ed economiche a danno della donna e anche dell'azienda, in relazione al tema della maternità, dall'altro lato evidenzia la convenienza dell'investimento sulle donne in ambito aziendale, specialmente sul piano del management e dell'organizzazione. Ponendo poi l'attenzione sul Soffitto di Cristallo e sulla prima donna manager, Marisa Bellisario, l'opera si conclude con un confronto a tu per tu svolto dall'autrice con donne al vertice dei settori pubblico e privato, in ambito locale e nazionale, sul tema della carriera al femminile.
Daniela Profiti nasce a Vibo Valentia nel 1989 e vive a Nicotera. Conseguita nel luglio 2012 la Laurea Triennale in Organizzazione delle Amministrazioni Pubbliche e Private, presso l’Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro, attualmente frequenta il Corso di Laurea Specialistica in Organizzazione dei Servizi della Pubblica Amministrazione nel medesimo Ateneo.

martedì 2 luglio 2013

1° Premio Letterario All'in Sud: prorogata al 15 luglio la scadenza per la partecipazione


E' stata prorogata al 15 luglio 2013 la data di scadenza per la partecipazione al 1° Premio Letterario All'in Sud, edizione 2012-2013, promosso dalla casa editrice Disoblio Edizioni in collaborazione con l'Associazione Culturale Fenice dello Stretto, con il patrocinio del Comune di Bagnara Calabra. Le sezioni nelle quali è possibile partecipare sono: romanzi, racconti, saggi, silloge inedita, silloge dialettale inedita.

Per partecipare, scarica il bando al seguente link e segui le istruzioni. Per informazioni, scrivi a: disoblioedizioni@libero.it.